Lenti a contatto pediatriche

Perché usare lenti a contatto in pediatria e negli adolescenti

Lenti a contatto in pediatria - Dott. Francesco Bonsignore

Potrebbe essere una sorpresa per i genitori, ma le lenti a contatto rappresentano oggi un pilastro delle correzioni ottiche nei bambini con difetti rifrattivi.
Generalmente si è abituati a pensare che la lente a contatto può essere utilizzata solo quando il portatore è in grado di gestirle autonomamente, questo però non è del tutto vero, infatti i genitori hanno un ruolo fondamentale nell’incentivarne l’utilizzo e nell’accompagnare sin dall’infanzia il bambino che aiutato dal genitore può tranquillamente portare le lenti a contatto.

Ancora qualche timore sulle lenti a contatto?
La gestione delle lenti è la paura più frequente che accomuna tutti i genitori che si avvicinano a questo tipo di correzione per la prima volta. E’ naturale avere il timore di non essere capaci di applicare le lenti a contatto al proprio bambino, ecco perché l’aiuto di una figura specializzata è indispensabile alla formazione del genitore sia per la gestione che per la manutenzione delle lenti a contatto in pediatria.

Informazioni visita

In occasione della prima visita verranno trascritti i dati anagrafici, anamnestici,  e studiati eventuali precedenti referti anche effettuati in altri centri. In una seconda fase, verrà studiato il BCVA (best corrected visual acuity) ovvero la migliore correzione ottica ottimizzata per lenti a contatto.  Successivamente verrà misurata la curvatura della cornea ed i parametri utili alla costruzione della lente.

La visita consta delle seguenti fasi:

  • Prova di una lente per valutare “l’appoggio” corneale, il movimento ed i diametri.
  • Affinamento del potere diottrico per lente a contatto.
  • Guida al corretto utilizzo e manutenzione della lente a contatto.

Al termine, una volta individuata la lente utile al trattamento riabilitativo, il paziente provvederà autonomamente all’acquisto dell’ausilio dal proprio ottico di fiducia. Si precisa che per la prima visita è consigliabile l’astensione dall’utilizzo di lenti a contatto da almeno 48 ore.

Durante le visite per il rinnovo della lente, con la lente indossata viene controllato e rivalutato “l’appoggio” corneale, e ricalcolato il potere della lente, ed eventualmente effettuati i correttivi necessari.

Al termine, una volta individuata la lente utile al trattamento riabilitativo, che potrà confermare la precedente indicazione o avere i necessari correttivi,  il paziente provvederà autonomamente all’acquisto dell’ausilio dal proprio ottico di fiducia.

A seconda del caso clinico e della specifica lente utilizzata potrà essere consigliato un controllo entro un preciso arco temporale (generalmente entro 45 giorni), questo, per verificare la corretta gestione e la conformità del prodotto acquistato ed apportare eventuali correttivi per la lente definitiva. La visita viene effettuata con la lente indossata.

Adesso il paziente verrà indirizzato verso lo specialista curante per il follow-up periodico.

Calendario prenotazioni

Giugno 2024
Lun
Mar
Mer
Gio
Ven
27
28
29
30
31
3
4
5
6
7
10
11
12
13
14
17
18
19
20
21
24
25
26
27
28

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella COOKIE POLICY